» Visualizzazione predefinita
 

 
 
La rivoluzione digitale del Biellese
Infrestrutture, tecnologie e servizi per lo sviluppo del nostro territorio. Bazzini: "Da oggi si apre una nuova scommessa"

“L'innovazione è alla radice del cambiamento economico e sociale. E' un processo lungo, che necessità sia di creatività che di diffusione degli apprendimenti. Oggi le tecnologie info-telematiche sono il principale motore dell'innovazione. Dobbiamo considerare quella informatica come una questione di estensione dei diritti della persona”. Così Davide Bazzini, Assessore all’Informatizzazione della Provincia di Biella introduce il tema del “digitale”, su cui gli enti locali (Provincia e Città di Biella capofila) stanno concentrando importanti energie e progettualità.  
In questo senso la Provincia di Biella ha messo a punto un piano per lo sviluppo delle nuove tecnologie, accompagnato dallo slogan “Collegàti al futuro”, che sintetizza in tre punti le proprie linee strategiche: più internet, più velocità, più servizi.   Sempre più la (pre)condizione per lo sviluppo economico e tecnologico di un territorio passa attraverso la diffusione della cosiddetta "Banda Larga": un insieme di tecnologie (cavo in fibra ottica e trasmissione “via etere” nei punti più difficilmente accessibili) che permettono, a cittadini e imprese, di collegarsi a Internet e alle Reti Locali ad una velocità di trasmissione idonea a garantire servizi più comodi, efficaci e meno costosi.  
Per questo motivo, il piano di estensione della Banda Larga nella Provincia di Biella prevede, entro il 2008, il raggiungimento di una copertura pari all’80% del territorio (90% della popolazione), in grado di garantire anche alle comunità e alle attività produttive presenti nelle nostre valli collegamenti adeguati alle esigenze del presente e del futuro.    Insieme al potenziamento delle infrastrutture digitali (cavi, ripetitori, punti di snodo) è poi in atto un processo di “automazione” – a partire dalle pubbliche amministrazioni – per offrire a cittadini e imprese un numero sempre crescente di servizi "on-line", con l’obiettivo di snellire e rendere più efficiente l’erogazione di servizi e informazioni.  
Tecnologie che la Provincia di Biella offrirà a supporto del turismo (in collaborazione con ATL, verrà attivato un sistema cartografico “intelligente” che guiderà il visitatore virtuale alla scoperta del Biellese) e delle attività culturali, con il progetto che prevede la realizzazione di una vera e propria Rete Telematica per la Cultura, con un nucleo centrale a Biella e punti di accesso nelle più importanti sedi di “produzione culturale” del Biellese. Una rete che, a partire dall’esperienza del Sistema Ecomuseale, favorirà la diffusione del Distretto Culturale Biellese.  
Una rivoluzione digitale che vedrà in Cordar.it – la società pubblica per le tecnologie digitali nel Biellese appena costituita – il motore trainante di questo processo, attraverso la realizzazione delle infrastrutture e la realizzazione e la gestione di un Centro Servizi per le pubbliche amministrazioni, oltre che offrendo, ad imprese e gestori delle telecomunicazioni, efficienti punti di snodo per lo scambio dati, direttamente collocati sulle linee portanti del progetto regionale Top.IX.  
Un insieme organico di interventi che crea le basi per lo sviluppo dell’attività economica sul territorio biellese, offrendo maggiore competitività alle imprese già esistenti e dotando questo territorio di importanti requisiti di attrattività per l’insediamento di nuove attività lavorative. “Da qui in avanti si apre la scommessa” conclude Bazzini. “Abbiamo recuperato il tempo perduto e siamo ora una delle Province con le migliori potenzialità; si tratta ora di metterle “al lavoro”, di aumentare le sinergie tra pubblico e privato e soprattutto di trasformare queste potenzialità in occasioni concrete di crescita, di impresa, di occupazione”.
 
Invia l'articolo ad un amico.
 
Tutte le news