» Visualizzazione predefinita
 
Ti trovi in:

 
Biell@GOV - Il Centro Servizi Territoriale della Provincia di Biella

Letterin del centro serivi territoriale Biell@GOVIl 17 ottobre 2005 la gran parte degli enti locali della provincia di Biella ha sottoscritto l'accordo di programma per la costituzione del Centro Servizi Territoriale della provincia di Biella, successivamente denominato Biella@GOV.

L'iniziativa è estremamente importante perchè i Centri Servizi Territoriali rappresentano una possibile soluzione al fenomeno della marginalizzazione dei piccoli comuni dall’attuazione dell’e-government:

Infatti un numero ridotto di comuni con meno di 20.000 abitanti ha partecipato ai progetti co-finanziati nella prima fase di e-gov e i i piccoli comuni spesso presentano carenza di infrastrutture tecnologiche, scarsità di risorse finanziarie e mancanza di competenze adeguate al sostegno dell’innovazione.

Il Modello Piemontese

Il modello di Centro Servizi Territoriale Piemontese ha delle caratteristiche peculiari, infatti:

  • è definito da appositi accordi di programma tra gli enti;
  • si configura come un’aggregazione tra enti che realizza una gestione associata di servizi e non prevede di norma la costituzione di un soggetto giuridico ad hoc;
  • Prevede la costituzione di un unico Centro Servizi in ogni territorio provinciale, con possibilità di punti di presidio ulteriori per le province di maggiori dimensioni/elevato numero di comuni;
  • Opera in una logica di apertura verso il mondo imprenditoriale del territorio;
  • Incentiva i rapporti con il mondo accademico e scolastico.

Il Ruolo degli enti

  • La Regione si configura come soggetto promotore della rete piemontese dei Centri Servizio Territoriali;
  • Le Province piemontesi assumono il ruolo di soggetti coordinatori;
  • Ai piccoli Comuni e loro forme associate, costituite ai sensi del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico degli Enti Locali - TUEL), viene affidato il compito di indirizzo e controllo della rete regionale di CST;
  • Le delegazioni regionali delle Associazioni di Enti locali, in particolar modo l’ANCI Piemonte, l’UNCEM Piemonte, la Lega delle Autonomie Locali, la Consulta Unitaria dei Piccoli Comuni del Piemonte, promuoveranno il percorso partecipativo di costituzione dei CST attraverso attività di informazione ed assistenza ai Comuni piemontesi.

Per saperne di più sulla strategia pemontese visitate RuparPiemonte.